martedì 28 giugno 2016

Floating Piers, l'installazione di Christo sul lago di Iseo

Seguivo i progressi di questa installazione da mesi, mi aveva colpita fin dalle prime dichiarazioni dell'artista il fatto che l'avesse progettata molti anni fa insieme alla moglie e la caparbietà nel portare a termine il progetto, soprattutto in un luogo dalle dimensioni raccolte come il lago di Iseo.

Abbiamo visitato i Floating Piers Domenica scorsa, secondo giorno di apertura al pubblico, dalle prime ore del mattino.
Non è stato semplice arrivare all'installazione, ma ne è valsa la pena, lo spettacolo e l'esperienza di percorrerla sono unici davvero. 

Tanto si è detto e scritto su questo evento, il mio sarà un racconto soprattutto per immagini.


Siamo arrivati a Monte Isola col traghetto, bagnati a tratti da un pioggerellina che ha reso più lieve l'attesa, e lo spettacolo cui abbiamo assistito subito è stato questo: la bellezza dei luoghi e l'affollamento sui ponti, il loro colore intenso e radioso a contrasto con quello del cielo.



L'artista dice che le condizioni meteo incerte sono le migliori per sperimentare i riflessi del tessuto giallo zafferano che drappeggia, simulando le onde del lago, le passerelle, quindi possiamo dirci fortunati.

Abbiamo potuto vederle con il lago mosso, questo ha causato la chiusura di un tratto intorno all'isola privata al centro del lago ma ci ha permesso di sperimentare una camminata sulle acque più movimentata...



Il percorso sembrava interminabile, ma noi non avevamo fretta.


 Attraversa anche le piccole località intorno al lago collegate dalle passerelle


l'effetto nei vicoli più stretti è suggestivo



Passeggiare sui Floating Piers è un'esperienza curiosa, si ha nettamente la percezione di camminare su una superficie flottante e a piedi nudi la sensazione è amplificata (e preserva l'installazione, peccato non tutti abbiano seguito le indicazioni). Non si percepiscono i moduli con cui è costruita, che garantiscono di seguire il movimento dei flutti, e quando il lago si increspa si ha la stessa instabilità di quando si viaggia con un piccolo natante al largo - la memoria è corsa alle traversate verso le isole malgasce con imbarcazioni dall'aspetto poco rassicurante, o ai pionieristici viaggi in traghetto col mare in tempesta verso le isole greche ormai 20 anni fa... - , o si va su una di quelle giostre che mettono alla prova l'equilibrio, per questo le passerelle vengono chiuse quando si raggiunge il "livello rosso".


La superficie al tatto sembra asciutta anche dove non lo è, rugosa, luminosa, è decisamente diversa da quello che ci si aspetta, diverte e incuriosisce.



Alcune informazioni pratiche

Non avevamo prenotato nulla, non essendo certi di poter andare fino all'ultimo.
Ci eravamo solo documentati e avevamo scelto un'orario *intelligente* (prima dell'alba nei piani originari), anche se poi siamo partiti un po' più tardi causa imprevisto.
Non è andata male: prima delle 8 eravamo già in coda per prendere il traghetto a Iseo.
Dopo un'ora e mezza d'auto, con traffico scorrevole, siamo riusciti a lasciare la macchina nei parcheggi più vicini, scartata da subito l'idea di parcheggiare più lontano e prendere la navetta (ore e ore di coda, e bus spesso fermi per lunghi periodi),  abbiamo comodamente raggiunto a piedi l'imbarcadero. L'ideale sarebbe stato avere il traghetto prenotato, ma con grande pazienza siamo riusciti a salire circa 2 ore e mezza dopo il nostro arrivo: il 30% dei posti sono per chi non ha prenotazioni.

L'attesa della partenza dei traghetti è stata dovuta anche al fatto che le passerelle erano state chiuse nella notte causa maltempo, il primo è ripartito proprio alle 8 ed è rimasto a lungo l'unico mezzo per raggiungere il sito. I treni invece sono stati bloccati a lungo e poi soppresse le fermate critiche. Non potevamo prevedere la saturazione di utenza cui abbiamo assistito (consiglio salva nervi: evitare assolutamente di scendere dalla passaerella a (o tentare di salirci da)  Sulzana, dove c'è la maggior ressa e certezza di code per ore), il nostro programma ha subito imprevisti e ritardi, ma tutto sommato abbiamo visto e fatto tutto quello che desideravamo.

Per chi volesse avventurarsi in questa impresa consiglio di documentarsi benissimo e prenotare sia il parcheggio che il traghetto, se fosse ancora possibile, e mettere in conto di vivere l'esperienza in modo zen ;-) percorrere le passerelle richiede tempo, arrivarci infinita pazienza...

Chi supera gli ostacoli potrà godersi la vista

    
 

Anche dopo tante ore non volevamo più venire via, specialmente eSSe.
Mi piace osservare come i bambini vivano qualsiasi esperienza, specialmente come si avvicinino all'arte contemporanea. Anche questa volta ho percepito meraviglia e gioia nell'approccio di mia figlia, è stato il suo entusiasmo (e la sua tempra) a tenerci là fino a tardi.



Siamo tornati al tramonto, uno dei più belli da giorni, distrutti ma appagati, con un quadratino di tessuto giallo in borsa come souvenir e la sensazione di essere ancora sull'acqua, come quando si scende da una barca.

Un ottimo inizio d'estate!

venerdì 17 giugno 2016

Amo ballare...





Mi piace ballare, mi sento leggera!
La testa vola via dal mondo reale...

Giovani ballerine crescono, i loro pensieri - costruzioni logiche intorno al flusso delle emozioni - ne danno prova.

Osservo, ascolto, catturo sguardi complici. Scopro di lei, di loro, tante cose.

La passione le spinge ad allenarsi ad ogni occasione - più di quelle che avrei immaginato - e poi avere i piedini doloranti la sera.

La danza le porta a vivere emozioni grandi e complesse: incanta, commuove, stravolge - persino così piccoli -, mette alla prova, spinge a misurarsi con i propri limiti e a migliorarsi. E poi da gioia, quella che fa brillare gli occhi.

Se chiedo a eSSe cosa la diverte quando balla, mi risponde:

- ...chassè, passo passo, gran jeté!  

La risposta mi ha stupita, poi me la sono fatta mostrare e ho capito.

Questa sequenza si esegue in diagonale e si conclude con uno dei salti più famosi, una spaccata in aria, una vera conquista per chi studia classico e vuole sperimentare la sensazione di staccarsi dal suolo.
 
Ieri, a una persona che non la vedeva da alcuni mesi e le domandava spiritosamente se fosse una bambina o una ragazzina, ha risposto decisa che lei è una bambina! Così è, e io ne sono felice.

Vive l'immediatezza dell'esperienza, la lega a sensazioni piacevoli.

Percepisce la fatica, vive la tensione delle vigilie, anche se non sempre la inquadra e non sempre è in grado di contenerla, ma per lei la danza è una modalità di espressione che, utilizzando il corpo e defininendo un suo occupare uno spazio, la rende felice e leggera.

L'insegnante ci aveva predetto che questo sarebbe stato l'anno in cui le avremmo viste più emozionate e consapevoli durante lo spettacolo conclusivo. 

Non sono mancati gli imprevisti, eppure ho visto che il sorriso non ha quasi mai abbandonato il suo viso e quando è uscita era contenta e soddisfatta.

Osservo meravigliata e incuriosita queste metamorfosi, mia figlia ha voglia di volare, non ho dubbi.

Bimbe e ballerine crescono.






(per chi fosse curioso di vedere un gran jeté....)

venerdì 27 maggio 2016

Libri: Per fare il ritratto di un pesce

Torno a parlare di albi illustrati, mostrandovene uno che mi ha colpita per le illustrazioni:

Per fare il ritratto di un pesce
di Pascale Petit
illustrazioni di Maja Celija
traduzione di Rosa Chefiuta & Co
Orecchio Acerbo


Un albo di grande formato, che si apre in ampie tavole orizzontali, a doppia facciata.

"Due storie che si intrecciano e si alternano sulle pagine. La prima ha parole e immagini, la seconda solo immagini. Il protagonista della prima è un un uomo che vuole dipingere sul suo quadro un pesce. La seconda ha come protagonisti dei ragazzini che il pesce invece lo vogliono vero. L'uomo va con la sua tela sulla spiaggia in cerca di ispirazione ma poi si addormenta e la sua tela va alla deriva, galleggiando. I bambini vanno sulla medesima spiaggia con il loro vaso cercando di catturare un pesce nel mare."
Due storie che si intrecciano e si alternano sulle pagine, dice l'editore e non posso che trovarmi d'accordo.
Prima si è sicuramente catturati dalle immagini, inevitabile perdersi nelle meravigliose illustrazioni

un dettaglio, cigni

mentre il testo segue una sua linea narrativa parallela e a volte richiama la nostra attenzione infilandosi nelle figure.

un dettaglio, i tanti animali che un artista può incontrare prima di trovare il suo modello

Immagini e testi evocano leggerezza, stimolano il lettore a volare con la fantasia, per poi richiamarlo nella realtà mostrando il pittore in mezzo all'acqua con la sua tela in mano e i bagnanti che lo osservano con stupore e poi ancora avventurarsi in mezzo ad animali di ogni genere, che davvero non ci si aspetterebbe di trovare andando alla ricerca di un pesce da ritrarre... Accostamenti surreali e personaggi stranianti tengono l'attenzione alta, non ci si può distrarre un attimo sfogliando questo libro, non è facile indovinare cosa accadrà pagina dopo pagina!

L'arte richiede dedizione e pazienza, si inizia con la preparazione della tela e dei colori, si elabora un'idea, ma poi serve affacciarsi al mondo che si vuole raffigurare, e non può mancare l'apertura mentale che accoglie, senza scomporsi più di tanto, imprevisti e colpi di scena e cambi di programma man mano che l'opera prende forma, pare suggerirci questa affollata trama, solo con l'insieme di questi elementi si arriverà ad ottenere qualcosa che emoziona.

Vi lascio con il dubbio: riuscirà il pittore a trovare il pesce da ritrarre?


Con questo post partecipo al Venerdì del libro, sul mio blog sono tutti raccolti qui.
Qui potrete trovare quelli di Homemademamma che ha avuto questa meravigliosa idea, l'elenco dei blog che aderiscono all'iniziativa e le istruzioni per partecipare.
E non dimenticate la nostra biblioteca su aNobii    


 

venerdì 20 maggio 2016

Un meraviglioso pomeriggio al Rifugio Miletta


Quando arrivi al Rifugio Miletta sei inizialmente colpito dalla bellezza del luogo: piante rigogliose, colline dolci, tantissima luce, fiori e ...occhi attenti. 


Stai varcando un territorio: appena superato il cancello, sarai letteralmente investito dalla gioia festante degli abitanti più vivaci di quest'oasi di pace, i tanti cani che faranno a gara per ottenere delle coccole!


La costante delle immagini che ho catturato è la presenza di occhioni languidi, zampe che ti si attaccano alla gamba appena vedono che sei disponibile, ;-) a reclamare, con dolcezza ma anche decisione, attenzioni, mani che inevitabilmente accarezzano. Anche chi non avesse una particolare predilezione per i cani sarà colpito dalla socievolezza di quelli che vivono qui.

Quando si alza lo sguardo si può ammirare l'ampiezza degli spazi, circa tre ettari dedicati a dar rifugio a tanti animali diversi, che convivono senza divisioni per specie.


Per chi non li ha mai visti da vicino, ci vuole un attimo a prendere le misure con alcuni di loro: quanto è grande una pecora?
Parecchio!
 




Per gli amici appassionati di albi illustrati: quella bianca non vi ricorda incredibilmente Beeelinda?
Non riuscivo a staccarle gli occhi di dosso!

Invece trattasi di Tommy, lui ha un ottimo carattere, si fa stropicciare con piacere, ha un manto morbissimo.

E le caprette?


Molto più piccole, a misura di bimbi.
...Si vorranno far toccare?
Avranno voglia di fare amicizia con cuccioli di altre specie?
Decisamente sì, col garbo giusto.

Queste sono fresche di adozione e quindi hanno ancora gli identificativi per il riconoscimento alle orecchie, ma appena li perderanno potranno avere un microchip, per questa struttura c'è una deroga data l'eccezionalità del luogo.
 
- Ohhh! C'è anche un ginghiale!  


Ce ne sono parecchi in verità: è facile che Alessandra riceva segnalazione dai veterinari di zona o dalle forze dell'ordine. Ha infatti avuto mandato di recuperare gli animali che vengono segnalati in strada o liberi in contesti dove non sono, come nel caso dei cinghiali, molto amati.

Quando arrivano cuccioli è tutto più semplice, crescono nella grande famiglia del rifugio e possono convivere con tutti gli altri, mentre se vengono recuperati da adulti hanno bisogno di spazi dedicati, con recinti rinforzati con pali interrati - molto costosi tra l'altro, saranno il prossimo acquisto necessario - che li proteggano dall'istinto a fuggire nel bosco e quasi sicuramente finire uccisi dai cacciatori.

Abbiamo chiesto ad Alessandra di spiegarci come si potrebbe risolvere la questione: spiace che debbano vivere in un rifugio, quasi isolati, ma fuori avrebbero i giorni contati. E lei non ha avuto dubbi: la prima cosa da fare è abolire la caccia, perché sono i cacciatori stessi a importarli, creando poi problemi anche ai contadini mancando i predatori naturali, i lupi, che ovviamente sono ancor meno amati. Qui sono al sicuro.

Questi sono due di tre cuccioli arrivati di recente, il più piccolo, Kutzco, ha un paio di settimane, Ariel qualcosa di più, sono molto affettuosi tra loro!


Mentre la mucca che vedete sullo sfondo resta per suo conto (lei ha un caratterino non facile, ci spiegano), ecco avvicinarsi anche degli asini:


Non immaginavo fossero anche loro così desiderosi di carezze e grattini... 


E ci sono anche i pony: mamma e papà sono assolutamente attenti, quando il piccolo è sfuggito per un attimo al loro controllo visivo sono andati in crisi e hanno fatto di tutto per recuperarlo! Capita l'antifona ora segue i genitori molto da vicino, ci limitiamo a osservarli da una rispettosa distanza.



I piccoli e più delicati ospiti sono tenuti in spazi protetti e separati, alcuni vivono proprio in casa, come i cinghialini, che sono orfani e devono ancora trovare un posto nella comunità del rifugio, infatti seguono Alessandra come fosse la loro mamma quando si muove, contendendosi le sue attenzioni con gli agnellini, ugualmente orfani e giovanissimi.


È interessante osservare le relazioni tra i vari animali: gelosie, simpatie, alleanze, voglia di giocare insieme e sostenersi o di star per conto proprio.
























I più piccoli, gli unici che non ci è stato permesso avvicinare per loro tutela, sono molto interessati a nostri bambini ;-)



Tutti gli animali adulti non facevano che rincorrerci all'inizio, poi semplicemente hanno assunto il ruolo di accompagnatori nel nostro giro, a volte reclamando il rispetto dei loro spazi. Ad un certo punto mi son sentita letteralmente spostare da una grande pecora mentre fotografavo alcuni cuccioli, evidentemente ero sulla sua strada ;-) o forse era un po' gelosa.

Gli ospiti di questo rifugio, cosa che non si direbbe dal loro atteggiamento e dalla serenità che aleggia, sono tutti animali salvati da maltrattamenti, abbandonati perché malati, scartati a causa di handicap fisici, vittime di incidenti stadali, orfani di genitorni non sopravvissuti al parto, recuperati in seguito a segnalazioni.

La loro sorte è però cambiata quando sono stati accolti da Alessandra, anima di questo santuario, che si occupa di tutti loro - e sono molti di più di quelli che vi ho mostrato - con il suo compagno, un altro volontario assiduo e alcuni presenti sporadicamente e purtroppo senza continuità.

Capita che mentre sta parlando con i visitatori si interrompa per dare un'occhiataccia ed eventualmente intervenire quando vede qualcuno prendersela con i nuovi arrivati. "Ognuno di loro ha un carattere diverso, ci sono quelli più simpatici e quelli più brontoloni e anche alcuno scontrosi", ci ha detto. Oppure che corra a cambiare l'acqua in un catino perché vede avvicinarsi qualcuno dei cani per berla quando ormai è diventata troppo torbida e sporca perché qualcun altro ci ha giocato dentro.

Abbiamo anche potuto assistere al momento in cui si è ritirata in casa per allattare col biberon gli agnellini e le piccole volpi. Eccone una, guardate che scambio di sguardi!


 
Ogni membro di questa coesa comunità meriterebbe un post dedicato, e nel tempo lo ha avuto, o lo avrà, sulla pagina Facebook del rifugio.

Toglie il fiato ascoltare certe storie, di crudeltà gratuita per lo più, violenze ai danni di creature indifese che hanno riposto fiducia nelle persone sbagliate. Eppure durante la visita in ognuno ho percepito una fiducia sconfinata oltre a un bisogno di amore tangibile.

Il motto del rifugio, Oltre ogni specie, è davvero perfetto per questo luogo, che Alessandra ci ha raccontato esser stato inizialmente un luogo della mente, un progetto preciso, che ora ha preso forma.

Possiamo sostenere questa realtà con donazioni, anche trarmite PayPal (l'indirizzo associato al conto del rifugio è: info@rifugiomiletta.org), visitando questo luogo (prenotando una visita usando questi contatti), magari decidendo di adottare qualcuno degli ospiti, aderendo alle iniziative benefit, parlandone agli amici. 

Mi piacerebbe visitare sempre più luoghi come questo, passiamo parola!

Ringrazio Francesco e i volontari di Essere Animali per avermi invitata a visitarlo, se deciderete di farlo anche voi preparatevi ad elargire tante tante carezze!

Grazie per esser arriviti fino alla fine di questo lungo post ;-)

Buon fine settimana!

venerdì 22 aprile 2016

T-veg in difesa della Terra (Earth day e consigli di lettura)

Oggi è il Giorno della Terra, me lo ha ricordato Google ieri poco dopo la mezzanotte...


La Madre Terra ci osserva e probabilmente si chiede se abbiamo in mente di autodistruggerci, siamo davvero scriteriati noi umani! Le nuove generazioni forse saranno più accorte e lungimiranti, si spera, intanto possiamo offire esempi virtuosi e buone letture per dotarli di uno sguardo più ampio e un approccio meno distruttivo.

Per esempio 10 things I can do to help my world di Melanie Walsh potrebbe essere il libro più adatto per introdurre l'argomento, ve ne avevo parlato qualche anno fa ed è ancora assolutamente attuale, proponendo una lista di 10 piccoli gesti virtuosi da compiere ogni giorno:

1. Spengo la luce quando esco dalla stanza.
2. Chiudo il rubinetto quando mi lavo i denti.
3. Getto l’immondizia nel cestino.
4. Do da mangiare agli uccellini.
5. Uso i due lati dei fogli.
6. Non lascio gli apparecchi in stand-by.
7. Costruisco i miei giocattoli con vecchie scatole.
8. Vado a scuola a piedi.
9. Pianto un seme e curo le piante.
10. Faccio la raccolta differenziata.

E guardate cosa ha pubblicato oggi Todd Parr (uno dei miei autori del cuore, nel caso non si fosse capito... ;-) ), un nuovo decalogo earth-friendly:

Fonte: pagina ufficiale dell'autore

Se, arrivati al punto 10,  siete perplessi significa che non conoscete questo artista ;-) Todd Parr mette un pizzico di follia in ogni suo lavoro, perché col sorriso sulle labbra anche i temi più delicati diventano facili da affrontare.

Oppure... forse intendeva che è meglio mettere l'intimo in frigo piuttosto che far partire i climatizzatori appena si superano i 20 gradi come fanno i suoi connazionali! ;-) (lui è un americano decisamente autoironico...)

Aggiungerei un punto: fai la spesa e mangia responsabilmente, da illustrare con una bella composizione di frutta e verdura colorata, di quelle che fanno venire fame!

L'attenzione a quello che acquistiamo e mangiamo significa attenzione alle risorse che si impiegano per produrre i cibi e può fare una grande differenza, all'Expo campeggiavano pannelli didattici che ricordavano che la produzione di cibo è responsabile di una quota rilevante di inquinamento:



Possiamo fare qualcosa? Sì, e ancora una volta si tratta di gesti quotidiani e semplici: possiamo fare attenzione alla stagionalità di frutta e verdura e preferire i produttori a km zero, per far viaggiare meno i cibi che consumiamo; possiamo anche ridurre il consumo di cibi di origine animali, che è noto inquinino davvero molto, persino un solo giorno 100% vegetale può ridurre la nostra impronta in modo rilevante.
Lo sforzo è minimo e può esser ripagato con la possibilità di sperimentare ricette nuove e golose. :-)  

Come questi sono diplodocus con frullato marziano, divertenti e mooolto veg!

Ricette verdi, salutari e divertenti


- Sì, va be', ma ai bimbi non piacciono le verdure... 

Alcuni in effetti potrebbero non gradirle, forse perché non hanno ancora trovato un modo per gustarle che li soddisfi, o forse nutrono dei pregiudizi...

Proviamo a chiedere al T-veg se può spiegare loro quanto sono buone e se la sua storia può dimostrare come si superino i preconcetti! 


T-Veg. La storia di un dinosauro vegetariano, Smriti Pradasam, illustrazioni di Katherina Manolessou, traduzione di Milena Archetti, Electa Kids, 2016, racconta la storia di un T-rex vegetariano.

Reginaldo è un T-rex particolare: impazzisce per frutta e verdura. Questo crea sospetto nei suoi simili: si è mai visto un predatore carnivoro che preferisca una carota a una fetta di carne?

Lo si vedrà in queste colorate pagine:



L'entusiasmo di questo giovane T-veg, come lo chiamano i suoi compagni per schernirlo, non basta, ha problemi a farsi accettare: lui è un diverso, il gruppo non comtempla che qualcosa turbi equilibri consolidati:
"non esiste al mondo un T-Rex vegetariano!"
"non sei un vero T-rex..."
Gli dicono.

Reginaldo non ce la fa più a sentirsi escluso, fa lo zaino con l'idea di abbandonare per sempre chi lo deride ogni giorno. Vuole mettersi alla prova, dice di voler partire per scoprire qualcosa di sé, forse di essere erbivoro (o forse no), sicuramente imparerà molto da questa esperienza.

Sarà divertente, pensa con l'entusiasmo di chi parte per un'avventura emozionante, ma presto si scontra con la difficoltà di procurarsi cibo fuori dal suo habitat e, quel che è peggio, sperimenta un altro tipo di isolamento: i dinosauri erbivori che cerca di avvicinare per fare amicizia fuggono spaventati appena lo vedono!

Intanto gli altri T-Rex iniziano a rendersi conto che è poco importante cosa mangi Reginaldo, lo rivogliono a casa, solo ora che se ne è andato capiscono il suo valore! Vanno a cercarlo, ma è lui a ritrovarli, anzi a salvarli da una frana grazie alla sua forza e ingegno.

"Tutto merito della frutta e verdura!"
 
Dice fiero e contento, e una volta a casa festeggiano tutti insieme. Ognuno è felice di essere come è, dopo questa esperienza è svanito il disagio nel rapportarsi con qualcuno che è (o solo sembra) diverso. Insieme si possono provare esperienze (e cibi) nuovi.


Un libro su unicità e differenze, sull'accetazione degli altri e sulla conoscenza di sé, ma anche un libro che fa venir voglia di una rinvigorente scorpacciata di vegetali :-D

Questo il mio consiglio di lettura per la Giornata della Terra, per gli amici del la comunità dei Genitori Veg (quella di chi cerca di un luogo dove confrontarsi su un'alimentazione prevalentemente a base vegetale per i propri figli) e per il Venerdì del libro.

E se oltre che per la Terra siete preoccupati per la salute dei vostri bimbi firmate questa petizione che chiede mense più salutiste e più verdi:

La  Campagna mense più sane nasce constatando che i menù scolastici sono attualmente iperproteici, poveri di frutta, verdura e cereali integrali e che troppo spesso la qualità è sacrificata a criteri economici e all’accettazione dei piatti da parte dei bambini e delle famiglie.
Il problema principale è la scorretta informazione fornita dai media,
è straordinariamente importante comunicare ai genitori che la prevenzione deve cominciare da piccolissimi, anche perché il gusto per il cibo si forma da bambini.
per questo si è pensato ad una campagna informativa e di sensibilizzazione, a favore dei bambini, perché ogni giorno possano avere nel piatto cibi amici della loro salute (e del pianeta).

Avete già aderito?
E qual'è il vostro piatto a base vegetale preferito?

 

Approfondimenti:

T-veg su Genitori Veg
Un divertente recensione della versione originale
Altre immagini per i più curiosi 
Se niente importa (perché mangiamo gli animali) (una preziosa inchiesta giornalistica di un neopapà che si interroga sulle coneguenze delle scelte alimentari)
 

Gli altri Venerdì del libro sul mio blog sono qui.
Qui potrete trovare quelli di Homemademamma che ha avuto questa meravigliosa idea, l'elenco dei blog che aderiscono all'iniziativa e le istruzioni per partecipare.
E non dimenticate la nostra biblioteca su aNobii  






venerdì 8 aprile 2016

Libri: Una rapina da 4 soldi

Come si spiega l'attualità ai più piccoli?

Ne abbiamo già parlato altre volte. Ci sono temi con i quali fatichiamo a confrontarci, come per esempio le guerre e la violenza in genere, che non sappiamo come spiegare ai nostri bambini, ma sappiamo che è nostro dovere farlo nei modi e nei tempi giusti.

"Quando sono diventato padre ho capito che i genitori hanno due compiti fondamentali, il primo è quello di difendere il prorpio figlio dalla malvagità del mondo... il secondo è quello di aiutarlo a riconoscerla". (dal film di Pif, La Mafia uccide solo d'estate)

Ce ne sono altri delicati, come la sessualità, che è fondamentale affrontare prima che arrivi l'amichetto che ne sa di più o i bimbi vengano esposti a qualche contenuto che li potrebbe turbare, o peggio incontrino persone da cui sia necessario difendersi e prima ancora indivudare come pericolose.

Poi ci sono tutti quei temi che semplicemente sono al di fuori della loro quotidianità e immaginazione, per esempio: come si spiega cosa sia un paradiso fiscale?

Ecco un'idea:



Mia figlia cresce, è attenta e curiosa, non le sfugge niente di quello che le accade intorno, a volte si accorge di piccole cose che io non noto proprio: un giorno mi ha detto che il testo di una canzone proprio la infastidiva! Era una canzone tormentone, di quelle che senti nei negozi, in spiaggia, ovunque, con un messaggio, sotto traccia, molto superficiale e a sfondo sessuale, una di quelle cose cui noi adulti ormai siamo assuefatti.  
Quello che nota mi colpisce sempre.

Capita che mentre siamo in auto si ascolti un po' di radiogiornale insieme -sempre che non inizino con descrizioni cruente dei fatti di cronaca persino nell'edizione delle 18! -, ha ormai un'età in cui è giusto sappia cosa accade nel mondo, mettendo in conto che sia spesso necessario mediare e poi approfondire. La novità è che questa seconda cosa la fa sempre più spesso da sola.

Ieri tornate a casa, con l'attenzione per i dettagli e la memoria che solo i più piccoli hanno, prima è corsa a consultare il piccolo dizionario che, su suggerimento delle maestre, le abbiamo regalato prima di Natale, e poi mi ha chiesto di sfogliare insieme questo libro:


Una rapinda da 4 soldi
scritto e illustrato da Fabian Negrin
Orecchio Acerbo

L'illustrazione di un paradiso fiscale, che ho pubblicato più in alto, è tratta proprio da questo libro.  

E' arrivato a casa mia per caso, in un pacco promozionale che conteneva una selezione a sorpresa, amando particolarmente questi albi illustrati dalla copertina in cartone spesso ho voluto provare, anche proprio per la curiosità di avere in mano libri che forse non avrei mai scelto, e così è stato.

Non so se mi avrebbe attirata sfogliandolo velocemente in una libreria.


Il punto di vista dell'autore è netto, alcuni messaggi molto diretti, del resto il tema scelto non potrebbe ammettere sconti.

Si apprezza leggendolo con calma: mi ha strappato parecchi sorrisi, pur contenendo una pesante critica sociale che passa per irriverenti rappresentazioni dei potenti e delle monete.




Le illustrazioni offrono un piano di lettura forse più a misura di piccoli, ma penso sia più interessante per un target dai 7/8 anni in avanti. Le espressioni dei 4 soldi sono esilaranti.


Il finale, assolutamente a sorpresa, offre un messaggio forte di speranza, ovviamente nelle generazioni future! Lo trovate nei contenuti condivisi sul sito dell'editore.

Perfetto se si cerca uno spunto per parlare, a misura di ragazzi, del pessimo rapporto con il denaro che hanno molti adulti, ma anche per seminare input positivi: i cattivi, almeno nelle favole, finiscono al fresco.

Nel libro è contenuto anche un gioco da tavolo, sottilmente ironico, in cui si procede tirando i dadi, alla maniera di un gioco dell'oca, si parte rubando e quando si arriva al traguardo si regala, passando da diversi usi (e abusi) del denaro.


Ecco il booktrailer:



Un libro del 2007, eppure attualissimo.
Purtroppo. 


Per approfondire la conoscenza dell'autore:
Fabian Negrin intervistato da Anna Castagnoli


Con questo post partecipo al Venerdì del libro.

Gli altri Venerdì del libro sul mio blog sono qui.
Qui potrete trovare quelli di Homemademamma che ha avuto questa meravigliosa idea, l'elenco dei blog che aderiscono all'iniziativa e le istruzioni per partecipare.
E non dimenticate la nostra biblioteca su aNobii   




venerdì 1 aprile 2016

Libri: Charlie and the chocolate factory (di Roald Dahl)

Ce la farò a pubblicare un post oggi? ;-)
Ci provo! ...vivo, ancora e come tanti, sempre di corsa, il bicchiere mezzo pieno sta nel fatto che a fine giornata mi rendo conto di aver fatto un sacco di cose (se ho abbastanza neuroni attivi per fare bilanci...), e in una settmana scolastica corta sembra di fare ancor di più gli equilibristi, ma il morale è indubitabilmente più alto: è già venerdì.

Questi ultimi minuti che portano alla conclusione della prima parte del pomeriggio, prima di ritirare mia figlia da scuola e precipitare nel occuparmi dell'organizzazione del week-end (a partire dal tragitto scuola/casa che prevede la rituale domanda sulla mole di compiti che darà il passo alle attività di oggi e se va male anche domani e dopo - e per fortuna che mia figlia è autonoma, ma io preferisco andare al parco con lei piuttosto che pulire mentre studia, ça va sans dire...- ), li voglio dedicare a parlarvi di un libro che abbiamo molto amato che voglio consigliarvi da tanto:

Prima edizione americana, 1964 (fonte wikipedia)
Charlie and the chocolate factory di Roald Dahl.

All'inizio dell'estate scorsa, durante una passeggiata serale in un week end al mare (quello italiano), per uno di quei casi che confermano la teoria del Connecting dots, mi sono trovata sulla strada una bancarella di libri d'occasione, con una meravigliosa sezione di testi in lingua originale, tutti di eccellenti editori e a prezzi irrisori. La bookahoolic che è in me non ha saputo resistere, soprattutto quando ho visto che c'era anche un libro del suo amato Dahl: La fabbrica del cioccolato.

Credo di essere tra i pochi che non hanno visto il film, volevo prima leggere il libro. E volevo farlo con mia figlia, meglio ancora se in lingua originale, - tanto la coda di libri della lista dei desideri è inesauribile! -, per cui ho pazientemente atteso la congiuntura astrale favorevole.

Amo Roald Dahl, lei più di me, così lo abbiamo letto a ritmo molto serrato. Ci ha accompagnate per molte sere - ma molte meno di quanto avessi stimato -, sere in cui la richiesta fissa prima di dormire era: "mamma ancora un capitolo, TI PREGO!!!"
Un successo, che è valso lo sforzo extra necessario: leggere in inglese per un non madrelingua è impegnativo, alternare momenti in cui provavo a vedere lei come se la cavasse a leggere da sola e cercare insieme i vocaboli sconosciuti ancora di più... Il testo è decisamente scorrevole e coinvolgente nella sua versione originale, si tratta di uno di quei libri che ti cattura e non ti molla fino alla fine. Come tutti i libri di questo autore, le vicende sono infarcite di iperboli, immagini stranianti e colpi di scena, ma quello che colpisce più di tutto è lo sguardo sul mondo dell'infanzia e una critica puntuale e priva di sconti a quello di noi adulti.

La scelta di leggerlo in lingua originale è dovuta a fattori allora contingenti: eravamo in procinto di accompagnare A., mio marito, in una trasferta di lavoro in America, volevo una full immersion nella lingua per le settimane che avremmo passato lì e una continuità per quelle successive, per ottimizzare i "benefici linguistici". Volevo però qualcosa di divertente, che conservasse la sensazione che conoscere una lingua come l'inglese ti permette di giocare con coetanei di tante provenienze e in tutto il mondo, traslandola nella possibilità di fruire contenuti appassionanti, e di goderne, senza che diventasse una barriera o togliesse gusto al piacere di leggere. In realtà in America abbiamo iniziato con altre letture, libri presi in prestito dalla nostra biblioteca del cuore, ma a un certo punto, quando abbiamo lasciato la Silicon valley, l'ultima settimana, e siamo andati in vacanza al mare (quello americano) prima di rientrare in Italia, siamo partiti con la lettura di questo affascinante romanzo.

L'iniziale scetticismo della mia piccola, troppo amante di Dahl per rischiare di perderne le sfumature - grazie a una fantastica maestra che legge costantemente narrativa in classe, opere intere, e li aveva letteralmente catturati con Le streghe -, è stato vinto dalla promessa di riprenderlo in prestito in Italiano appena rientrati, se ci fossimo accorti di aver fatto una scelta superiore alle nostre forze. Va detto che eSSe ad oggi non padroneggia la lingua inglese al punto di leggere da sola un libro come questo. Ad essere onesti, vedo con dispiacere che ogni anno che passa, complice il programma italiano di inglese per le primarie su cui ho tantissime riserve e il fatto che frequentiamo meno gli amichetti anglofoni, mi pare dimentichi qualcosa, mi pare addirittura le venga meno spontaneo esprimersi in inglese come faceva da piccolissima, buttandosi senza riserve, e io con lei... ma conto sia come andare in bicicletta: dobbiamo solo riprendere l'abitudine! Invece con un capitolo a sera, quando non c'era da alzarsi presto il giorno dopo qualcuno in più, è stata una lettura leggera e divertente, che abbiamo molto goduto, e un rinfrescare la lingua.

Consigliatissimo.
Anche e soprattutto se cercate testi in inglese accattivanti.

Con questo post in corsa vi auguro un buon fine settimana e vi rimando ai consigli delle altre partecipanti del Venerdì del libro.

Con questo post partecipo al Venerdì del libro.

Gli altri Venerdì del libro sul mio blog sono qui.
Qui potrete trovare quelli di Homemademamma che ha avuto questa meravigliosa idea, l'elenco dei blog che aderiscono all'iniziativa e le istruzioni per partecipare.
E non dimenticate la nostra biblioteca su aNobii   




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...